Sobrietà
Felice

 

“La più grande ricchezza è vivere contenti con poco” Platone

Ognuno definisce da solo cosa significa esattamente vivere una vita semplice. Noi sentiamo che combina elementi di minimalismo, ambientalismo e pensieri su nuovi modi di modellare l’economia, con la felicità e la vita consapevole.

Scorri questa linea guida per avere consigli concreti e ispirazione!

Ti sei mai chiesto come le persone semplificano la loro vita? E cosa li porta? Guardati questo video di 1 minuto di Nora!

Suggerimenti (per iniziare)

Suggerimento 1 Di cosa ho (veramente) bisogno?!

“Ci sono due modi per sentirsi ricchi: uno è accumulare il più possibile. L’altro è desiderare il meno possibile”. Sappiate di cosa avete veramente bisogno per essere felici e vivete di conseguenza. Prima di ogni grande decisione, chiediti: ho (davvero) bisogno di questo?

Suggerimento 2: Decidi cosa ti appassiona (di più) e lasciati ispirare!

Assicurati di avere la tua porzione regolare di ispirazione: segui alcune persone e pagine, trova buoni libri sull’argomento, o partecipa agli eventi GreenUp o di altri. Oltre ai nostri eventi, noi siamo fan di blog come @lessissexy

Suggerimento 3: Semplicemente fare e condividere le tue esperienze.

Guarda @smallfootprint_bigadventures per esempio. Questa coppia ha deciso che vuole passare la maggior parte del suo tempo all’aperto, e ne ha fatto la sua vita. Ma anche a casa si può fare così. In Ticino sappiamo che c’è tanta gente, ma non abbiamo trovato un canale instagram per adesso. Idee? 

Conosci la regola del 50/30/20? È un modo utile per guardare le tue finanze e vedere quanto hai bisogno. 

Il 50% è per i bisogni – cose essenziali, incluso l’affitto.
Il 30% è per i desideri – cose belle, come le vacanze
Il 20% è per i risparmi 

Non è una scienza esatta. È una linea guida che può aiutarvi anche con la domanda “Quanto mi serve veramente”.

È proporzionale, quindi se spendi meno, ovviamente hai bisogno di meno … Potresti anche lavorare meno e avere più tempo per il giardinaggio o per i progetti comunitari.

Ti aiuta a vedere le cose in prospettiva. 

Hai altri consigli da condividere?

Ci piacerebbe sentire la tua storia!

Beccato: 3 miti sulla sobrietà felice

1. La sobrietà felice è un punto di arrivo

pictogram train

Non è un punto di arrivo… in realtà è un viaggio. O forse si potrebbe vedere come uno spettro.

Cerchiamo di vivere in modo più semplice, ma a volte succede qualcosa e la nostra vita diventa più complessa. Allora ci adattiamo di nuovo e cerchiamo di tornare a vivere in modo più semplice. E in questo modo ci muoviamo sempre sullo spettro.

2. La sobrietà felice è un lavoro duro

 

pictogram train

Molte persone hanno paura di perdersi le cose (fear of missing out: #FOMO).

Dire di no quando non è importante per te, sia alle persone che alle cose, è in realtà abbastanza facile.

Brené Brown ne scrive nel suo libro “La forza della fragilità” e ne parla in vari podcast. 

3. Significa essere poveri 

Pictogram Choice

No. Non hai bisogno di rinunciare alle cose che ami. Si fanno delle scelte.

Per esempio comprando cibo biologico più costoso, ma comprandone meno. Andare in vacanza in bicicletta invece che in aereo. Fare il proprio deodorante, piuttosto che comprarlo.

Promemoria

Sono piccole cose come questa, che ti ricordano di tanto in tanto che ci sono molte alternative là fuori! 

Ulteriore letture ..

Leggi le altre linee guida… per esempio intorno all’economia locale e alla sharing economy: 

O sulla mobilità e il tempo libero: 

Ci sono molti buoni libri di persone ispiratrici, ma pratiche. Come Nicola Turner >>.

Ti è piaciuta questa linea guida? Partecipa a uno dei nostri eventi ed esplora ulteriormente quali cose puoi fare per vivere più semplicemente. 

Diventa un amico di GreenUp, sostienici nella nostra missione e rivela regolarmente altri consigli e suggerimenti!